Daniele Atzeni: ciak, si ragiona…

Riceviamo e pubblichiamo la riflessione di Daniele Atzeni.

 

 

 

 

 

In merito agli articoli come questo

(http://www.regione.sardegna.it/documenti/1_146_20120726085254.pdf)

comparsi sulla stampa locale, che denotano il provincialismo con cui troppo spesso in Sardegna ci si approccia alla materia cinema:

posto che Rocco Papaleo non mi è per nulla simpatico, non è compito delle produzioni cinematografiche promuovere la cultura e la lingua sarda (anzi la lingua italiana con l’inflessione sarda); le produzioni possono liberamente girare in Sardegna e utilizzare le locations decontestualizzandole (come avviene spesso nei film) dal territorio d’appartenenza, rappresentando altri luoghi d’Italia e del mondo o luoghi immaginari.

L’importante è che chi gira in Sardegna lasci sul territorio parte del budget della produzione (alberghi, ristoranti, service, ecc.).

Non capisco perché la stampa locale piuttosto che occuparsi di queste sciocchezze che servono solamente ad alimentare sterili polemiche, non s’indigna per le condizioni in cui versa il settore cinema in Sardegna, dove gli autori e le produzioni, nonostante ci sia una legge per favorire il cinema nell’isola, aspettano da oltre TRE ANNI che vengano assegnati i contributi relativi ai bandi a cui hanno regolarmente partecipato.

E tutti tacciono…

 

Il Disobbediente1 – © 27.07.2012

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...