Ragazzino di 14 anni ferito con sei pallottole per difendere la sorellina dal padre stupratore: la Rete ne spara un’altra..

421

Siamo alle solite: un’altra bufala della Rete..

Questo è l’appello che qualche buontempone ha iniziato a condividere:

 

QUESTO RAGAZZINO DI 14 ANNI È STATO SPARATO 6 VOLTE DAL PATRIGNO PER DIFENDERE LA SORELLINA DI 6 ANNI CHE STAVA PER ESSERE STUPRATA.. QUESTO È SUCCESSO MENTRE LA MADRE ERA A LAVORO, I DOTTORI DICONO CHE L’UNICO MODO CHE HA X SALVARSI È SE VIENE SOTTOPOSTO A CURE E MEDICINE CHE LA MADRE NON PUÒ PERMETTERSI, FACEBOOK HA DECISO CHE DONERÀ 45CENT PER OGNI CONDIVISIONE… PER FAVORE NON IGNORATE, QUESTO RAGAZZINO HA BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO, È IMPORTANTE!!! CONDIVIDETE E SALVIAMO QUESTO PICCOLO EROE!!! O LA SUA CONDIZIONE PER DIFENDERE LA SORELLINA SARÀ STATO INUTILE…!! 😥

E questa la fotografia che lo accompagna..

420

 

Per ora si è arrivati a 134.816 condivisioni, ma suppongo che ci siano ancora ampi margini di peggioramento.

Facebook non donerà proprio un bel nulla e mi stupisce che ci siano beoti che possano credere che il buon Mark Elliott Zuckerberg stia a contare il numero delle condivisioni per poi versare (a chi e dove?) 45 centesimi per ognuna di esse.

Già nel Febbraio 2010 girava in Rete la stessa notizia..

Facciamo un piccolo salto nel sito http://www.snopes.com/inboxer/medical/shotkid.asp e leggiamone la bollatura: FALSE.

 

Storia inventata, commovente certo, così come raccapricciante la fotografia.. ma tutto falso.

Impossibile risalire alla vera fotografia perché il web è saturo di articoli idioti come lo stesso che sta girando di nuovo all’impazzata in queste ore.

Per favore: BASTA! Dimostriamo di non essere dei mediocri e degli idioti..

 

 Il Disobbediente1 – © 16.02.2013

 

 

Annunci

2 thoughts on “Ragazzino di 14 anni ferito con sei pallottole per difendere la sorellina dal padre stupratore: la Rete ne spara un’altra..

  1. E’ terrificante assistere a questa marea di condivisioni. Ho scritto anch’io un post in merito, ma siamo davvero in pochi ad informarci e pensare prima di agire 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...