Nichi Vendola: perché essere ambientalisti è chic..

949

Nichi Vendola: perché essere ambientalisti è chic..

Mercoledì 3 aprile il Consiglio della Regione Puglia ha approvato la proposta di modifica della legge n. 14 / 2007, cioè la legge che tutela gli ulivi secolari.

La modifica consentirà la deroga ai divieti di danneggiamento, abbattimento, espianto e commercio degli ulivi, previsti dall’articolo 10 della legge, così da permettere la realizzazione di tutti i progetti edilizi approvati in epoca antecedente al mese di giugno del 2007.

La proposta di modifica, presentata dai consiglieri Donato Pentassuglia, del PD e Pietro Iurlaro, PDL, è stata votata con 36 favorevoli su 37 consiglieri presenti: unico voto contrario, quello del Consigliere Francesco Laddomada.

 

L’unica tutela prevista è: l’obbligo di reimpianto all’interno della stessa unità e, solo in caso di dimostrata impossibilità, il reimpianto altrove in luoghi il più possibile vicini. Inoltre il proprietario dell’area deve presentare un “progetto preventivo di espianto” che offra delle garanzie fideiussorie all’amministrazione regionale, nel caso in cui gli ulivi espiantati non attecchiscano nella nuova sede.

 

La mobilitazione della rete

La petizione che è possibile firmare qui, promossa dall’architetto Eugenio Lombardi (Ecomuseo Urbano del Nord Barese):

https://www.change.org/petitions/presidente-della-regione-puglia-nichi-vendola-abrogazione-modifiche-legge-n-14-giugno-2007-a-tutela-ulivi-secolari?utm_campaign=friend_inviter_chat&utm_medium=facebook&utm_source=share_petition&utm_term=permissions_dialog_false

L’evento creato su Facebook:

TUTTI A CISTERNINO DOMENICA 28 APRILE ORE 10 “CONTRADA SISTO”

https://www.facebook.com/events/452648534818409/

 

Dall’articolo pubblicato da Il Journal:

Puglia, ulivi secolari sfrattati per far posto al cemento. E il web si mobilita

 Il web sta mobilitandosi per salvare gli ulivi secolari pugliesi dalle deroghe alla loro integrale e assoluta protezione approvate la settimana scorsa dal Consiglio regionale pressoché all’unanimità e con zelo bipartisan.

http://blogeko.iljournal.it/2013/puglia-ulivi-secolari-sfrattati-per-far-posto-al-cemento-e-il-web-si-mobilita/71734

 

Sosteniamo la battaglia degli amici pugliesi, perché l’aria è di tutti.. così come la natura e gli alberi. E non è sufficiente una cauzione per pagare un danno di questo genere.

Noi a respirare cemento non ci riusciamo ancora, e voi?

 

Il Disobbediente2 – © 10.04.2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...